La Chicchetta - 97

mercoledì 11 marzo 2009

Basta condoni, arriva il nuovo piano fai-da-te





Ecco qui, come si combatte la crisi. Il Governo annuncia un provvedimento per farsi da soli le licenze edilizie. Almeno quelle per aggiungere qualche stanza alle case. Curioso, dopo gli ultimi episodi di alluvioni e disastri idrogeologici vari non sembrava che ci fosse una grande esigenza di toglier regole. Ci saremo sbagliati. Anche la fastidiosa abitudine del nostro territorio a svegliarsi di malumore e a terremotare ogni tanto, si vede che non è una buona ragione per fare noiosamente attenzione ai permessi. Il ragionamento potrebbe essere “In fondo perché stancarsi a fare i condoni? Si fa prima così”. Oppure tutto potrebbe essere nato da un equivoco sui termini: a furia di sentir invocare la necessità di un piano per combattere la crisi, il governo ha confuso la pianificazione con la sopraelevazione. I più alti ideali con gli attici aggiunti. Il cimento con il cemento. O forse si tratta solo di una incomprensione geometrica. Combattere la crisi economica richiede di guardar lontano, quando invece sembra che l’orizzonte si restringa, di investire quando non ci son risorse, di far studiare quando sembra più difficile. Insomma, bisogna saper fare la quadratura del cerchio.
Magari il governo ha solo una visione più tridimensionale della situazione. Oppure vuole andare oltre. Perché limitarsi alla semplice quadratura, si saranno detti. Facciamo direttamente la cubatura.

By Angelo Stelitano


.


.
Visita il sito: http://www.sesante.it/
.


.



.