La Chicchetta - 107

mercoledì 25 marzo 2009

Addio vecchio termometro

Compagno di tante influenze, sempre pronto sul comodino quando si ha la febbre, presto non sarà più in vendita: si tratta del caro vecchio termometro al mercurio, al quale dovremo dire addio a partire dal prossimo 3 aprile. Da questa data entrerà infatti in vigore il decreto ministeriale del 30 luglio 2008, emanato in attuazione di una Direttiva della Comunità europea. Il motivo di tale decisione, presa in via precauzionale, risiede nel fatto che non esiste ancora una raccolta differenziata dei termometri al mercurio (come per le batterie). Il rischio è dunque che finiscano nei rifiuti, che il mercurio danneggi l’ambiente e, a lungo andare, anche la salute umana. Chi ha però ancora il vecchio termometro in casa, non ha motivo di preoccuparsi e può tranquillamente continuare ad utilizzarlo. La norma riguarda infatti solo i termometri che verranno fabbricati e, anzi, non si applica a tutti gli oggetti contenenti mercurio che risalgono a più di 50 anni fa. Inoltre, il mercurio confinato nel termometro non è pericoloso; lo diventa piuttosto se si ingerisce, tant’è vero che nei pesci è tollerato al massimo di un milligrammo ogni chilo (a rischio sono soprattutto i pesci grandi che sono al vertice della catena alimentare).

Se poi c’è chi preferisce disfarsene, può farlo, ma, badate bene, non gettandolo nell’immondizia, bensì consegnandolo in farmacia o nei punti ecologici del proprio comune.



By Angelo Stelitano



.


.
Visita il sito: http://www.sesante.it/
.


.



.