La Chicchetta - 31

giovedì 6 novembre 2008

La proposta. Il premier: i fondi sono pochi. E sui listini: la situazione non è realistica
Tredicesime, difficile detassarle
«Detassare le tredicesime? Vedremo. I fondi sono pochi». Il premier, Silvio Berlusconi, risponde così all'ipotesi proposta dal Pd e dalle associazioni dei Consumatori e torna anche sul fronte delle banche. «Sempre con la massima libertà, se gli istituti ritengono di voler aumentare la loro disponibilità liquida e di patrimonio, lo Stato è pronto a intervenire, ma mai come imperio e sempre rispondendo a richiesta degli istituti», ha detto il presidente del Consiglio. «Lo Stato, cioè può sottoscrivere delle obbligazioni, azioni di risparmio o obbligazioni convertibili, che sarà possibile convertire su richiesta delle banche». Poi ha proseguito: «la situazione delle Borse attualmente non è realistica». Spiega il Cavaliere che «le aziende fanno lo stesso fatturato, gli stessi utili, gli stessi dividendi. Ci sono casi in cui valgono il 70% in meno, dunque la situazione non è realistica. A queste valutazioni nessuno vende più, oppure deve vendere a quei valori». In questo momento di difficoltà dei mercati finanziari «una grande cosa è che non si favorisca il panico, il pessimismo. Si dice che le profezie si avverano da sole, ovvero a furia di dire una cosa tutti ci credono».
Cribbio..... i soldi pubblici servono alle banche non possiamo sprecarli regalandoli ai lavoratori!

By Angelo Stelitano


.


.
Visita il sito: http://www.sesante.it/
.


.



.